Siniscola vanta un vasto patrimonio culturale religioso, con ben 18 chiese su tutto il suo territorio. Partendo dall’ex parrocchiale di Sant’Anastasia, risalente al XV secolo, si passa alla chiesa di Sant’Antonio Abate (1646) che ha subito nel corso dei secoli numerosi rimaneggiamenti. La chiesa della Beata Vergine del Carmine è un edificio semplice, datato al 1724, presenta ancora gli elementi architettonici tipici della facciata originaria. La chiesa di S. Efisio Martire, edificata per la prima volta agli inizi del 1700, fu totalmente ricostruita nel 1968, perdendo le sue caratteristiche originarie.

 
La chiesa di S. Elena Imperatrice si trova su di una collina appena fuori dal centro abitato, in un bellissimo contesto rurale caratterizzato da vigneti, da cui si possono osservare le aree coltivate, le colline che digradano verso la borgata di Santa Lucia, il centro abitato e sullo sfondo, il massiccio del Monte Albo. L’edificio fu costruito tra il 1777 e il 1803 in sostituzione di uno più antico dedicato a S. Sisto. Analogamente anche la chiesa di S. Giacomo Apostolo è situata su di una collina, dalla quale poter ammirare il meraviglioso paesaggio circostante.
 
San Giovanni Battista è la parrocchiale del paese e presenta un campanile ottocentesco edificato dalle maestranze piemontesi. L’interno presenta tre navate con cappelle laterali. Rappresenta ancora oggi, come in passato, il luogo fisico centrale della spiritualità cristiana di Siniscola.
 
La chiesa di S. Giuseppe è del 1730, presenta un interno semplice a navata unica con volta lignea.
Uno degli edifici religiosi più importanti del borgo è senza dubbio la chiesa di Nostra Signora delle Grazie, nell’abitato vecchio di Siniscola, fu edificata tra il 1640 e il 1670 e restaurata in seguito nel corso del Settecento. L’interno è a navata unica con volta a botte, decorata insieme alle pareti con storie della Vergine.
Altro edificio di culto che riveste una notevole importanza è la chiesa di Santa Lucia, una chiesetta ottocentesca situata nell’omonima borgata.
Due sono le chiese dedicate all’apostolo Pietro, quella in località Luittu e quella a Sudduri. Quest’ultima fu edificata nel Seicento, periodo di cui riporta ancora la muratura esterna e gran parte della facciata.
 
Nostra Signora del Rosario presenta alcune opere interne di grande valore, tra cui le pitture murali con le storie della Vergine, una pittura parietale sulla Battaglia di Lepanto, la statua lignea della Vergine del Rosario e gli ex voto conservati nella sacrestia.
Infine, vi sono la chiesa del Purgatorio o delle Anime, la chiesa di S. Simplicio e S. Bartolomeo, quella di S. Sisto, la chiesa di S. Stefano e infine, Nostra Signora d’Itria.

 

RSS Siniscola Breaking News

VISITSINISCOLA ADVERTISING

Il tuo sito smart